Una lupa sulla strada delle rondinelle

possanzini_brescia.jpgSeconda partita casalinga quella di questa sera per il Brescia di Beppe Iachini. La Leonessa questa sera dovrà vedersela addirittura con la Roma del pupone Francesco Totti.

L’avversario è uno di quelli che dovrebbe far tremare i polsi: gente come De Rossi, Borriello, Mexes e capitan Totti per l’appunto non passano dal Rigamonti tanto frequentemente. Certo è che però in questo inizio di stagione la squadra capitolina non ha certo brillato e 2 punti in 3 gare sono davvero una brutta partenza per una squadra che dovrebbe lottare come minimo per la Champions League.

Il Brescia invece è partito a razzo. Dopo un primo passofalso in terra parmigiana sono arrivate 2 vittorie consecute contro Palermo e Chievo che hanno portato le rondinelle a 6 punti e al secondo posto in classifica.

A Brescia il morale è alto e ci si aspetta molto anche contro la Roma, nella speranza neanche troppo remota di arrivare a quota 9 punti dopo solo 4 partite. Per fare ciò sarà necessario che il reparto offensivo bresciano, composto probabilmente da Eder e Caracciolo supportati da Diamanti, faccia il suo dovere.

Proprio il fantasista giunto a Brescia dal West Ham ha l’occasione di dimostrare finalmente che oltre ai soliti Del Piero, Cassano e Totti in Italia ce n’è un’altro di grande fantasista offensivo. Se la sfida contro il capitano giallorosso dovesse pendere dalla parte del bresciano già si immaginano i titoli dei quotidiani sul “nuovo Baggio a Brescia”.