Via S.Faustino, ritorna la Tenda dei Popoli

tendadeipopoli.jpgGiustizia e povertà. Due grandi temi, da trattare con rispetto e da capire bene fino in fondo. Ed è proprio su questi due grandi temi che la Tenda dei Popoli vuol far soffermre i bresciani.

La Tenda dei Popoli torna infatti per il 28mo anno consecutivo in via San Faustino con tutta una lunga serie di approfondimenti culturali ma sopratutto conoscitivi di un mondo quale quello del volontariato, che a Brescia è certamente assai fiorente.

La Tenda dei Popoli resterà nella centralissima via cittadina dal 9 al 16 dicembre e rispetterà i seguenti orari: dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19,30 nei giorni festivi, mentre dalle 16 alle 19 nei giorni feriali.

Come detto la tenda propone anche tutta una serie di attività culturali parallele alla tenda stessa. Fra le tante segnalo quello di domenica 9 dicembre: inaugurazione alle 20:30, nel chiostro di San Giovanni, con “Dritto negli occhi. I tanti volti dei nessuno”, spettacolo teatrale curato dell’Associazione Culturale Teatro Dioniso.

Sabato 15 molte le attività, fra cui alle 17.00, “La povertà dell’Africa”, testimonianza della dott.ssa Carmen Orlotti a cura di Medici senza Frontiere.

Per maggiori informazioni www.tendadeipopoli.it

Una sola tenda per avvicinare tutti i popoli

tendadeipopoli.jpgAria di natale in giro, e come da 25 anni a questa parte la piazzetta accanto alla chiesa di San faustino a Brescia viene pacificamente occupata e animata dalla “tenda dei popoli”.

La tenda, che rimarrà montata fino a domenica 12 dicembre, sarà il luogo d’incontro di ben 40 associazioni di volontariato presenti a Brescia e nel bresciano. la manifestazione cresce di anno in anno per numero di aderenti e per le capacità che sa esprimere il variegato mondo del no-profit della leonessa, che agisce costantemente sottotraccia, quasi nascosto, ma che può contare su di una vastità di operanti come poche altre città.

Sotto la tenda anche quest’anno prenderanno posto associazioni di vario genere, laiche e religiose, locali ed internazionali, tutte però unite dalla volontà di operare con il solo scopo benefico per le popolazioni del mondo che vivono in condizioni di povertà, di guerra e di disagio.

Il tema di questa edizione che celebra il mezzo secolo della “tenda” ha il titolo “Custodire la Terra per coltivare la pace”. Ogni giorno la tenda ospiterà significativi eventi e angoli di vendita di prodotti dell’artigianato tipico oltre che libri, al fine di far conoscere quali siano i problemi che affliggono milioni, anzi miliardi di persone, e magari proprio in occasione del Natale unire il lato dilettevole dello shopping con il lato utile di dare una mano a chi opera costantemente a favore dei più deboli.

Uno dei momenti più toccanti di questa edizione sarà certamente quella del 9 dicembre con il medico bresciano di Emergency Marco garatti che parlerà della condizione attuale dell’Afghanistan e della sua durissima esperienza diretta in quel paese, che lo ha visto addirittura arrestato e sospettato di combutta con i guerriglieri talebani del paese insieme ad altri operatori e poi fortunatamente liberato dopo una solidarietà di massa che ha portato alla luce la grande attività umanitaria svolta da lui e dall’associazione.

La tenda resterà aperta dalle 16 alle 19 nei giorni feriali e dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19 nei feriali. Per avere informazioni più dettagliate sul programma dell’edizione 2010 della tenda dei popoli è possibile consultare il sito www. tendadeipopoli.it