Casa della memoria, due libri tra attentati e golpe

Pietro Calogero.JPGDue giovedì consecutivi con due importanti presentazioni di altrettanti libri. E’ quanto sta per arrivare il 4 e l’11 settembre alla sala Piamarta di via S. Faustino 74.

L’Associazione dei Familiari dei Caduti di Piazza della Loggia infatti, in collaborazione con il Comune di Brescia e la Provincia, ha organizzato due importanti occasioni per discutere del clima storico in cui si inserì la strage che il 28 maggio 1974 costò a Brescia 8 morti e 106 feriti.

Il primo di questi appuntamenti è previsto per giovedì 4 novembre quando presso la sala Piamarta verrà presentato “Terrore rosso”, libro che come già il titolo rivela vuole indagare sull’eversione brigatista, in particolare nel Veneto e nel padovano degli anni ’60-’70. I libro è scritto a sei mani ed infatti riflette la stessa struttura narrativa che parte da punti di vista separati, quello giornalistico, quello storico e quello giudiziario, che tendono però tutti ad un’unica verità. Alla presentazione saranno presenti: Pietro Calogero (Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Venezia e autore del libro), Guido Papalia (Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Brescia) e Silvia Giralucci (figlia di Graziano Giralucci, vittima delle BR).

Il secondo appuntamento è previsto per giovedì 11 novembre. In quell’occasione verrà presentato il libro “Il piano solo”. Si tratta di una ricostruzione storica molto dettagliata effettuata da Mimmo Franzinelli sul c.d. “piano solo” ossia il piano segreto elaborato nell’estate del 1964 dall’allora Presidente della Repubblica Segni ed il Generale De Lorenzo, comandante dell’Arma dei Carabinieri, che prevedeva una sorta di golpe militare con l’assenso del Capo dello Stato che avrebbe previsto anche l’imprigionamento di centinaia di cittadini attivisti di sinistra; il tutto sullo scenario di un’Italia divisa dalla guerra fredda e vicina allo scontro civile.