Il pieno a Brescia può costare meno

distributorebenzina.jpgPuò sembrare una provocazione, ma giuro che non è così. Ad usare bene il cervello, nella provincia di Brescia in molti infatti possono contare su ben 30 possibilità di alleggerire almeno un poco la spesa per il carburante.

In periodi come il presente dove la benzina si sta avvicinando neanche troppo inesorabilmente ai 2€ al litro, sapere che i bresciani possono sfuggire (seppur poco) alla tagliola dei balzelli rincuora un pò.

Nella provincia della leonessa sono infatti sparse 30 pompe “no logo”. Non si tratta di fan del celebre libro di Naomi Klein che è stato un pò uno dei simboli culturali del movimento no global; si tratta più semplicemente delle pompe cosiddette indipendenti.

Un anno fa a Brescia erano una decina, ora sono 30. Un motivo ci sarà quindi.

Eccome se c’è! Le pompe “no logo” infatti sono infatti, a differenza della maggior parte dei distributori, di proprietà di alcuni singoli soggetti e non invece delle compagnie petrolifere che li concedono in comodato gratuito, con il relativo obbligo però di acquistare da loro la benzina.

I piccoli proprietari dei distributori invece, non essendo soggetti all’obbligo di acquisto da un determinato venditore, possono scegliere liberamente da chi acquistare. Ovviamente da chi avrà un prezzo inferiore, e ciò ricade infine su noi poveri gasol-tartassati con un prezzo finale dai 5 ai 15 cent. in meno al litro.

Per scoprire la mappa delle 30 pompe “no logo” cliccate qui.