Mille Miglia: tutto pronto a Brescia per il via

millemiglia2011.jpgFascino per i motori d’epoca, con i loro inconfondibili rombi e le linee sinuose che a distanza di decenni sanno ancora far innamorare.

Brescia si prepara ad essere invasa anche quest’anno da centinaia d’auto d’epoca per la corsa delle Mille Miglia, la “corsa più bella del mondo” secondo Enzo Ferrari, uno che di auto se ne intendeva parecchio.

La gara delle Mille Miglia prenderà il via, com’è tradizione, da Brescia giovedì 17 maggio per farvi rientro (dopo aver toccato Roma) 48 ore pià tardi transitando sotto la bandiera a scacchi.

Tra i vip di quest’anno si segnalano John Elkan e la nobile consorte (Lavinia Borromeo) al volante manco a dirlo di una Fiat: la 8V prodotta tra il ’52 ed il ’54.

Insieme a loro anche grandi piloti come Stirling Moss, attuale detentore del record di velocità della Mille Miglia (1600 km in poco più di 10 ore) e Jochen Mass al volante della meravigliosa Mercedes-Benz 300SL W194, meglio conosciuta come “Ali di gabbiano”, che festeggia quest’anno i 60 anni (ben portati!).

Per 3 giorni il centro cittadino sarà invaso (sopratutto da tedeschi e inglesi) e off limits, ma il fascino della Mille Miglia è impagabile.

Brescia brum brum

alfa romeo bt45b.jpgChe Brescia e la sua provincia fossero una terra di appassionati di motori, ruote, pistoni, tubi di scarico e spinterogeni si sa. La Mille Miglia è infatti probabilmente uno dei più (se non il più) importante evento cittadino, che si ripete di anno in anno ed attrae migliaia di turisti e semplici curiosi da tutt’europa.

La stessa Mille Miglia ha dato il nome ad un importante museo cittadino, naturalmente strettamente legato al mondo dei motori; proprio lì, a poca distanza dal casello di Brescia Centro, nel museo delle Mille Miglia è appena stata inaugurata la mostra “L’evoluzione delle monoposto dagli anni ’50 al ’90”.

Come il titolo stesso dice, l’oggetto degli sguardi dei più curiosi saranno i bolidi che hanno fatto tanto sognare gli appassionati della Formula 1 e delle altre notissime gare di monoposto.

La mostra resterà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 18 fino al 31 dicembre. Io pur non essendo uno sfegatato appassionato delle corse automobilistiche sono arciconvinto di andare ad ammirare dal vivo le più grandi monoposto. Quantomeno se non sentirò la scarica lungo la schiena dovuta al ricordo di momenti passati davanti alla tv a tifare un pilota o una scuderia, almeno potrò ammirare la bellezza estetica di meraviglie della tecnologia come l’Alfa Romeo BT45B o la Formula March Cosworth 3000, quasi si trattasse di un museo d’arte industriale.