Ancora Brixia Florum

Fiori-di-Citrus-bigaradia_large.jpgIl 15 aprile torna per la seconda edizione nel centro cittadino di Brescia (corso Zanardelli, dalle 10 alle 20) la rassegna dal pollice verde “Brixia Florum”.

Brixia Florum non è altro che una mostra mercato dedicata al florovivaismo ed organizzata dall’Associazione Florovivaisti Bresciani e dal comune di Brescia.

Gli appassionati potranno così osservare da vicino la grandissima quantità di piante, piantine, fiori dei più disparati, di stagione e non, che potranno anche essere acquistate in loco.

Brixia Florum propone, al fianco del settore espositivo (ben 16 aziende vivaistiche in totale) anche una serie di incontri gratuiti aperti al pubblico con esperti del settore: ore 10 “Il misterioso mondo delle orchidee”, ore 14,30 “Coltivazione e utilizzo delle piante aromatiche”, ore 16 “Tecniche di potatura post-fioritura”, e ore 17,30 “Aiuole e balconi fioriti tutto l’anno”. Gli incontri si svolgeranno presso lo stand dell’Associazione Florovivaisti Bresciani (in direzione di corso Magenta).

Per ulteriori info www.florovivaistibs.it

Corso Zanardelli senza fili

100_0253.JPGLa rete wireless si affaccia nel centro storico di Brescia, in via Zanardelli per la precisione. Che si tratti delm primo passo verso una rete wi fi “free” per tutti in centro città? Per ora sembra che l’obiettivo iniziale di questo nuovo progetto di Brescia Mobilità sia quello di inviare messaggi ad una “palina tecnologica”.

Si tratta di un nuovo ritrovato della tecnica, che Brescia Mobilità, la società pubblica che gestisce il servizio di trasporto pubblico urbano e molti altri settori,, ha deciso di abbinare un nuovo software targato Motorola per gestire al meglio appunto il traffico dati in “real time” delle fermate autobus.

Ma questo, che di per sè non dovrebbe essere un grande passo in avanti, diventa significativo se si pensa che se venisse ampliato a tutta una serie di centraline, o meglio paline, in centro città questo potrebbe costituire la creazione di una struttura c.d. “Mesh”, di tanti piccoli nodi di ricezione-trasmissione di segnale wi-fi pubblico.

Che Brescia diventi una delle poche (anche se non la prima) città italiane a godere di tutti i vantaggi che una rete wireless gratuita e pubblica sa dare? Sarebbe davvero un passo in avanti nella speranza che l’accesso alla banda larga, magari una “super banda larga” in stile fastweb, possa essere considerato un diritto per tutti. Ancora di più qnd Iphone e Smartphone permettono sempre più di riuscire a connettersi liberamente senza doversi portare appresso per forza un pc.