Una corsa lunga 8 mesi in centro a Brescia

podisti.jpgI podisti e gli amanti della corsa sono avvisati, e con loro anche coloro che più semplicemente hanno intenzione di non lasciarsi andare ad un inverno da accozzati al divano.

Torna ad ottobre, visto il grande successo dello scorso anno, la seconda edizione della “Corri X Brescia”. Una corsa lunga 8 mesi, che per 30 giovedì da ottobre a giugno, si snoderà per le strade del centro cittadino.

Ad organizzare le 30 gare non competitive è l’associazione omonima che devolverà il ricavato del primo appuntamento (4 ottobre, con partenza e arrivo in P.zza Arnaldo, costo 2€ bambini e 5€ adulti) al Centro aiuti per l’Etiopa con il fine di finanziare un laboratorio di falegnameria ad Areka.

Modicissimi i prezzi per la partecipazione: 10€ (con iscrizioni al negozio Sportland di via S.Eufemia) o 15€ se fatte direttamente il giovedì sera. Prezzo valido per l’intera stagione si intende.

Le 4 date del mese di ottobre prevedono che le corse prendano il via da Piazzale Arnaldo, mentre da novembre si torna nella consueta location di Piazza Loggia.

Per info www.bresciachecorre.it

Mille Miglia: tutto pronto a Brescia per il via

millemiglia2011.jpgFascino per i motori d’epoca, con i loro inconfondibili rombi e le linee sinuose che a distanza di decenni sanno ancora far innamorare.

Brescia si prepara ad essere invasa anche quest’anno da centinaia d’auto d’epoca per la corsa delle Mille Miglia, la “corsa più bella del mondo” secondo Enzo Ferrari, uno che di auto se ne intendeva parecchio.

La gara delle Mille Miglia prenderà il via, com’è tradizione, da Brescia giovedì 17 maggio per farvi rientro (dopo aver toccato Roma) 48 ore pià tardi transitando sotto la bandiera a scacchi.

Tra i vip di quest’anno si segnalano John Elkan e la nobile consorte (Lavinia Borromeo) al volante manco a dirlo di una Fiat: la 8V prodotta tra il ’52 ed il ’54.

Insieme a loro anche grandi piloti come Stirling Moss, attuale detentore del record di velocità della Mille Miglia (1600 km in poco più di 10 ore) e Jochen Mass al volante della meravigliosa Mercedes-Benz 300SL W194, meglio conosciuta come “Ali di gabbiano”, che festeggia quest’anno i 60 anni (ben portati!).

Per 3 giorni il centro cittadino sarà invaso (sopratutto da tedeschi e inglesi) e off limits, ma il fascino della Mille Miglia è impagabile.

Brescia Art Marathon 2012

Brescia Art Marathon.JPGQuando c’è da correre si corre. Punto. E anche Brescia non si tira indietro. Poi, se c’è da correre per passione, la Leonessa diventa leone e si mette in mostra.

Domenica (11 marzo) il centro storico della città resterà chiuso per permettere a tutti gli appassionati podisti bresciani di partecipare alla decima edizione della Brescia Art Marathon.

La gara podistica prenderà il via alle ore 09:15 da Corso Zanardelli per poi snodarsi per la lunghezza regolamentare di 42,195 km per il centro cittadino. Si concluderà invece in Piazza Loggia. Il tempo massimo di percorrenza è di 6 ore.

Chi non avesse voglia o, molto più semplicemente, non avesse il fisico per correre i 42 km della maratona potrà cimentarsi su distanza più brevi quali i 21km della mezza maratona o i 10 km della Brescia Ten.

Anche per queste due corse “brevi” la partenza è sempre da Corso Zanardelli alle 09:15. Il tempo massimo di percorrenza però si riduce a 2 ore e mezza ed 1 ora e 15 minuti.

Per ulteriori info su modalità di iscrizione, percorsi ed altro è possibile consultare il sito www.bresciamarathon.it

Strabrescia, tutto pronto per il via

gara-podistica.jpgDue appuntamenti importanti per Brescia nel prossimo fine settimana. Oltre alla Notte Bianca delle Mille Miglia, i più mattinieri di domenica mattina, ma anche i più volenterosi, gli appassionati di sport e anche coloro che più semplicemente vogliono unire un pò di attività fisica con la beneficenza potranno infatti partecipare alla Strabrescia 2011, giunta alla sua 25ma edizione.

La Strabrescia è una corsa podistica non competitiva dove i corridori possono liberamente decidere di percorrere una delle 3 distanze prefissate, rispettivamente pari a 6, 14 e 21 km.

La gara podistica bresciana, giunta ormai alla sua 25ma edizione, verrà affiancata da altre 2 competizioni, ossia la duplice veste della “Su e giù per le colline bresciane” (alla 31ma edizione quella di 42 km, una vera e propria maratona, e la 7ma edizione per quella da 35 km).

La gara podistica non competitiva, oltre a far bene a chi la corre (sempre se non esagera), farà del bene anche a 4 associazioni bresciane di volontariato (Essere Bambino, Centro bresciano Down, la sezione bresciana dell’Associazione italiana per la lotta alle leucemie e la Croce Bianca cittadina) a cui verrà infatti destinato l’intero ricavato delle iscrizioni. Motivo in più per non mancare.

Brescia, tutto pronto per la Mille Miglia 2010

mille miglia.jpgbrescia sale alla robalta delle cronache nazionali ed internazionali almeno una volta all’anno, in occasione della Mille Miglia, la storica corsa automobilistica che si svolge ogni anno sul tracciato Brescia-Bologna-Roma-Brescia.

Il fascino di questa, come d’altra parte anche di tutte le edizioni passate, è tutta nell’oggetto utilizzato per la corsa stessa. Come tutti sanno infatti, i bolidi che gareggeranno saranno solamente automobili d’epoca tra le più belle e gloriose che l’ingegno umano abbia mai progettato e garantiscono la presenza di tutte le maggiori case costruttrici europee: Mercedes, Bmw, Alfa Romeo, Lancia, Jaguar, Bugatti, Isotta Fraschini, Aston Martin e molte altre.

I bresciani potranno sbirciare le auto storiche già dalla giornata di mercoledì a partire dal pomeriggio, quando verrà allestito in Piazza Loggia il Villaggio Sponsor. Poi giovedì sarà la volta dei preparativi veri e propri della gara. Dalle 8:30 della mattina le automobili verranno a turno punzonate e poi esposte in tutti i luoghi del centro storico (si prevede, come sempre, fìuna folla oceanica che ti impedisce di gironzolare in pace, ma d’altra parte è bello anche così). La sera, alle 19:30 la partenza della prima vettura, che raggiungerà il traguardo della prima tappa, in quel di Bologna, per la mezzanotte.

Venerdì le auto partiranno da Bologna e raggiungeranno Roma; proprio dalla capitale ripartiranno sabato per tornare a Brescia (con una breve pausa a Buonconvento in provincia di Siena) e concludere la corsa. La prima auto raggiungerà la Leonessa d’Italia dalle 22:30 in poi.

Mille Miglia: forse patrimonio dell’Unesco?

auto d'epoca.jpgAll’inizio, quando ho appreso la notizia, credevo si trattasse di uno scherzo o di una boutade. Poi approfondendo il discorso ho capito che era tutto vero e serio. L’Aci di Brescia ha chiesto ufficialmente all’Unesco, l’ente dell’Onu che si occupa di tutelare i beni culturali del pianeta, di far rientrare la corsa storica delle Mille Miglia all’interno dei patrimoni tutelati.

La proposta è venuta dagli organizzatori della corsa della Freccia Rossa, unitamente all’Aci provinciale (in qualità di proprietario del marchio) e, se si dovesse concretizzare, porterà a Brescia per la seconda volta il prestigioso marchio di “patrimonio dell’umanità”. La prima risale al lontano 1973, quando il riconoscimento venne (giustamente) concesso alle incisioni rupestri della Valcamonica.

La domanda è stata avanzata perchè la Mille Miglia dovrebbe essere considerata un “capolavoro del genio creativo umano”, tale da rappresentare “un cambiamento considerevole culturale in un dato periodo in campo tecnologico” e quindi rispondente ad almeno 3 dei 10 criteri fissati nel regolamento per presentare la domanda.

Io resto piuttosto scettico. La Mille Miglia è un grande evento cittadino, non c’è che dire. Muove moltissima gente e appassionati del genere (me compreso). Però, da spettatore, posso tranquillamente dire che la cosa più bella della corsa è l’esposizione delle auto che la precede; la corsa in sè non attira molto l’attenzione, se non degli opulenti industriali e personaggi di spicco della società “bene” sopratutto italiana a tedesca.

Non lo so, mi sembrerebbe come di chiedere la certificazione dell’Unesco per una rappresentazione in costume di una battaglia medievale. Bell, interessante, evocativa e magari anche ottimamente fatta, ma da a considerarla patrimonio dell’umanità ce ne passa.