Cioccolato alla Matisse

chocolate.jpgDal piacere per gli occhi a quello per il palato il passo è sottile; è questo il filo conduttore per la terza edizione del cioccolato in piazza Paolo VI, che si inserisce nel più ampio contesto di “Bresciaintuttisensi” e che per quest’anno vuole creare una sorta di collegamento virtuale con la grande mostra che ha appena aperto i battenti al Museo di Santa Giulia su Matisse e che si prevede faccia il pienone di visite come nelle passate edizioni su Van Gogh e Monet.

Quella che si aprirà il prossimo 4 marzo non sarà una semplice mostra-mercato del “cibo degli dei”, ma un vero e proprio viaggio attraverso il gusto con un occhio sempre puntato verso l’arte e che suggellerà questa annuale attitudine con il concorso che vedrà impegnati i maestri cioccolatieri a creare la “pralina di Matisse”, proprio in onore del grande artista ottocentesco che per i prossimi mesi ha trovato dimora a poche centinaia di metri.

Proprio per l’occasione la mostra resterà aperta fino alle ore 21, giusto in tempo per unire una dovuta visita con un buon aperitivo in centro e una piccola degustazione del più appetitoso dei dolci.

L’evento durerà giusto il tempo di un weekend, terminando il 6 marzo e prevede numerose piccole attrattive a corollario. Tutti i giorni saranno in programma dimostrazioni dei maestri cioccolatieri dalle 10 alle 12 e dalle 16:30 alle 18; è stata organizzata anche una mostra fotografica a cura della Compagnia dei sapori costituita da 16 pannelli sulla storia del cioccolato; infine venerdì pomeriggio dalle 15:30 alle 16:30 Jacopo Fanciulli terrà una lezione sulla storia e l’abbinamento di Rum e cioccolato.

Cioccolato che passione!

chocolate.jpgC’è chi lo apprezza per i suoi effetti afrodisiaci (come Giacomo Casanova); poi c’è chi ne beve in grande quantità per avere più forza in tarda età (come il filosfo Voltaire); c’è anche chi lo consuma perchè ha una funzione antidepressiva dopo l’assunzione; certamente la maggioranza se lo mangia semplicemente perchè è buono.

Sto parlando del cioccolato, di quel cibo che trae origine dai semi delle piante del cacao e che già gli antichi maya definivano come “il cibo degli dei”. E proprio il cioccolato è al centro della sagra che vedrà impegnato in questo fine settimana (domenica dalle ore 14:00 per la precisione) il centro di Paratico, cittadella lacustre sul lago d’Iseo al confine con la bergamasca.

La quinta edizione della fiera del cioccolato ha come contorno una ricca serie di eventi collaterali ma il vero centro d’attenzione non può che essere per quell’ambrosia che lascia tutti noi estasiati al solo sentire che si scioglie dolcemente in bocca.

Nella cittadina del sebino soto attesi maestri cioccolatieri  con i loro stands e sopratutto i loro assaggi. A tutto ciò si aggiungerà anche la possibilità per i ragazzi di partecipare a dei laboratori specializzati.