Calori d’inverno a Brescia

ElKaddouri.jpgSembra un controsenso parlare di “Calori d’inverno” proprio nei giorni in cui la provincia di Brescia vede inesorabilmente scendere la colonnina di mercurio fino a raggiungere temperature veramente rigide.

Eppure è così; la cura Calori ha dato il massimo dei frutti possibili. Quella con il Vicenza di sabato pomeriggio è stata la terza vittoria consecutiva sulle 3 gare disputate con nuovo tecnico sulla panchina della leonessa,

Fino a poche giornate fa sarebbe stato un miraggio, quasi pura fantascienza. Ora invece è pura realtà, con una squadra che sembra aver ripreso convinzione, ritmo e sopratutto entusiasmo. E l’entusiasmo aumenta pensando che i playoff sono lì a 4 punti.

Un altro chiaro segnale della svolta arrivata con il neotecnico Calori sono i gol subiti. Zero in tre gare. La porta sembra tornata a chiudersi, ben protetta da una difesa rocciosa e da un centrocampo che alla qualità di Budel ha saputo affiancare e far convivere molta quantità. Come insegna la scuola italiana tradizionale del calcio: primo non prenderle.

Pensare di mantenere ancora questa media da qui alla fine della stagione è ovviamente un’illusione che non deve far distrarre. Però l’inversione di marcia rispetto ad un autunno pessimo sembra arrivata, I margini per togliersi più di qualche sfizio ci sono.