Troppo sole? Ma non sei solo!

tropposole.jpgAbbiamo appena girato la boa del 15 luglio e siamo di diritto entrati nel periodo del solleone.
Il solleone, infatti, etimologicamente è il periodo dell’anno che va da metà luglio a metà agosto, quando il Sole si trova nella costellazione del Leone.
E si sente! Le temperature sono molto alte su tutta la penisola, in città poi, con la presenza relativamente scarsa di verde, l’inquinamento provocato dalle auto, l’asfalto e il cemento arroventati dal sole, l’afa spesso raggiunge livelli davvero fastidiosi.
Per le persone anziane, quello che per altri è solo un fastidio, può diventare una situazione pericolosa per la salute.
Il comune di Brescia ha preparato un opuscolo, intitolato appunto “Troppo sole? Ma non sei solo!” su cui, come sul sito , si ricordano le semplici precauzioni da prendere per difendersi dal troppo caldo:

• “Evitare di uscire all’aria aperta nelle ore più calde della giornata, tra le ore 11 e le ore 18
• Limitare l’attività fisica intensa
• Indossa indumenti leggeri, non aderenti, di fibre naturali, di colore chiaro e riparati il capo dal sole con un cappello
• Arieggia la casa durante le ore più fresche e chiudi finestre e imposte durante le ore più calde
• Se usi un ventilatore cerca di posizionarlo in alto e non direzionare il flusso d’aria verso di te
• Se non disponi di locali freschi cerca di trascorrere almeno alcune ore al giorno in un ambiente climatizzato presso le apposite strutture del Comune come ad esempio i Centri Diurni per Anziani, Centri Anziani e Biblioteche attrezzate
• Bevi molti liquidi (almeno 1,5 litri al giorno) anche se non hai sete
• Evita bevande gasate, zuccherate e troppo fredde. Evita inoltre le bevande alcooliche e il caffè che aumentano la sudorazione, hanno un effetto diuretico e contribuiscono alla disidratazione
• Fai pasti leggeri, preferendo la pasta, la frutta e la verdura alla carne e ai fritti
• In caso di cefalea provocata da un colpo di sole o di calore, fare subito impacchi con acqua fresca”

E i sintomi da non sottovalutare:

• “Mal di testa
• Debolezza
• Senso di svenimento
• Nausea e sete intensa
• Crampi muscolari
• Confusione mentale
• Dolori al torace
• Tachicardia
• Temperatura corporea elevata
• Perdita di coscienza”

In caso di dubbio, chiamare subito la Croce Bianca al 030 35118.
Sul sito si trovano anche le liste delle associazioni che si occupano di anziani e l’elenco dei centri climatizzati, dove andare a cercare un po’ di sollievo dalla canicola.

Emergenza Caldo a Brescia

caldo.jpgRieccoci di nuovo, non se ne può proprio più, sembra che la ns città sia afflitta da ondate di caldo anomale e spesso con temperature maggiormente elevate rispetto ad altri capoluoghi italiani.

Personalmente dopo alcuni anni che rimando credo che questo sia quello buono per procurarmi un buon condizionatore portatile acqua/aria.

L’ultimo aggiornamento del Sistema di prevenzione degli effetti delle ondate di calore sulla popolazione curato dalla Protezione Civile segnala “Allarme Arancione” che sta per “temperature elevate e condizioni meteo che possono avere effetti negativi sulla salute” delle fasce a rischio.

L’allarme è scattato per due sole città, Bologna e la nostra Brescia.

La temperatura nella nostra provincia salirà fino a 32 gradi (anche se quelli percepiti saran certo di più), e secondo i meteorologi ciò è dovuto a una “struttura anticiclonica di matrice africana” che tende a consolidarsi sul Mediterraneo centro occidentale provocando “un ulteriore aumento della pressione atmosferica anche sulla nostra penisola”.

Ci avete capito qualcosa? Io no.. 

Comunque sia sembra che la situazione destinata a determinare una fase di bel tempo che si manterrà stabile anche nelle successive giornate, apportando un aumento delle temperature che si porteranno su valori estivi… anche se da mercoledi (oggi) dovrebbe arrivare il fresco… 

Tante le iniziative messe in campo dalle regioni italiane per prevenire e combattere gli effetti nocivi del caldo sulla popolazione: programmi di assistenza agli anziani, misure preventive e sistemi d’emergenza, numeri verdi per le segnalazioni di casi urgenti, bollettini meteorologici periodici per prevedere i livelli di rischio e opuscoli informativi distribuiti ai residenti.

Presto anche noi Bresciani, penso, riceveremo dagli organi compententi (tramite le fonti d’informazioni bresciane), misure appropriate, nel frattempo ricordo a chi dovesse sentirsi male o esser vittime del colpo di caldo di chiamare immediatamente (senza farsi problemi) il 118 locale e visitare il sito del Ministero della Salute dove troverete un utile “Prontuario per Un’Estate Sicura” (http://www.ministerosalute.it/emergenzaCaldo/emergenzaCaldo.jsp)

(Foto: tantasalute)

scritto da Alex Mazzelli