Stop alla circolazione a Brescia e in buona parte dell’hinterland per le auto e le moto più inquinanti

smog.jpgE’ scattato giovedì 15 ottobre il divieto di circolazione a Brescia e in molti comuni dell’hinterland cittadino per gli autoveicoli più inquinanti. A stabilirlo è stata la legge 24 del 2006, recepita da un’ordinanza regionale.

A non poter circolare saranno gli autoveicoli alimentati a benzina classificabili come Euro 0, quelli alimentati a gasolio appartenenti alla categoria Euro 2 (e inferiori ovviamente), ed anche i ciclomotori ed i motocicli Euro 0, se mossi da un motore a 2 tempi.

Il divieto di circolare non è però pensato sull’intero arco delle 24 ore giornaliere; infatti esso è limitato ad impedire che sulle strade Lombarde che rientrano nella classificazione “A1” transitino vecchie carrette fumanti solo dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 19.30.

Ma le limitazioni alla circolazione per queste auto più inquinanti conoscono comunque molte eccezioni; sono stati infatti esclusi dal divieto di circolazione i  veicoli elettrici, quelli ibridi e multimodali, quelli muniti di impianto, anche non esclusivo, alimentato a gas naturale o gpl, per dotazione di fabbrica o per successiva installazione, ed i veicoli alimentati a gasolio, dotati di filtri antiparticolato (Fap) , ovvero di sistemi di abbattimento delle polveri sottili.

Altre esenzioni riguardano i veicoli storici (purchè dotati del relativo certificato), quelle delle forze dell’ordine, dei vigili, della guardia di finanzaecc., le macchine agricole, i mezzi della croce rossa e della protezione civile, nonchè i motocicli e i ciclomotori a 4 tempi. Sempre esclusi dal divieto sono i mezzi pubblici locali, quelli recanti il contrassegno per i portatori di handicap, gli scuolabus ed i veicoli del pronto soccorso sanitario.

Che dire, tra un’esenzione e l’altra c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Paradossale poi, almeno secondo me, che un ente pubblico chieda ai cittadini di non circolare con i propri mezzi perchè eccessivamente inquinanti e poi però conceda ai suoi veicoli, inquinanti anch’essi, di scorrazzare in gior liberamente (si pensi a gli obsoleti mezzi delle varie fprze di polizia e quant’altro).

In ogni caso per saperne di più è possibile consultare la sezione ambiente del sito della regione Lomabrdia: www.regionelombardia.it