Brescia: Calori per dimenticare Scienza

brescia calcio.pngOrmai c’era poco da fare. Beppe Scienza, dopo un esordio promettente nelle prime partite di questo campionato di B, aveva iniziato ad infilare una preoccupantissima serie di sconfitte. L’esonero, doloroso o no, è stato la scelta più logica.

Ben 13 partite consecutive senza nemmeno una vittoria sono la fotografia impietosa di una squadra che, dopo un inizio migliore delle aspettative, ha completamente perso il lume del gioco. Già, perchè oltre alle sconfitte, spesso non c’è stato nemmeno un bel calcio da guardare. Persino la grinta, almeno per come si è visto dagli spalti, è stata scarsa. Insomma, senza piedi, senza testa e senza cuore.

“Così non ci si salva” deve aver sicuramente pensato il Presidente Corioni e, per smuovere le acque, è stato dato il ben servito al mister, come sempre accade in queste occasioni.

Al posto di Scienza arriva una vecchia conoscenza del calcio bresciano: il 45enne Alessandro Calori. Il neo mister ha giocato nella leonessa dal 2000 al 2002, quando tutti i riflettori erano per Carletto Mazzone e sopratutto per Roberto Baggio. Anni in cui la salvezza arrivava tranquilla. Speriamo sia di buon auspicio.

Brescia: Calori per dimenticare Scienzaultima modifica: 2011-12-14T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento