Il Vittoriale omaggia D’Annunzio anche a Natale

vittoriale.jpgIl Vittoriale degli Italiani, la casa celebrativa che fu del “Vate” Gabriele D’Annunzio e situata a Gardone Riviera, in quello splendido paesaggio collinare della sponda bresciana del lago di Garda, non chiude i battenti nemmeno per queste feste natalizie. Anzi raddoppia.

Il Vittoriale è noto ai più proprio grazie al suo illustre antico proprietario, che, nel periodo che va dal 1921 al 1938 l’ha reso una sorta di abitazione-simbolo soprattutto delle linee poetiche di D’Annunzio che, in quel periodo, finirono però spesso con il combaciare con l’immagine che il regime cercava di dare di sè. Non a caso, pochi mesi dopo l’ingresso nel Vittoriale da parte del Vate, il Duce in persona venne a visitare la struttura.

Il Vittoriale, noto ai tempi come la villa “Colonica” di Cargnacco, trasudava arte e cultura già allora, con una biblioteca personale di circa 6.000 volumi, un pianoforte appertenuto a Listz ed a scritti autentici di Wagner. Da quel momento in poi D’Annunzio ci mise del suo, aggiungendo quel gusto estetico molto forte, a volte persino violento, che lo ha reso famoso insieme alle liriche. Basti pensare al velivolo (a proposito, il termine velivolo è stato “inventato proprio da D’Annunzio) con cui il vate compì il famoso volo su Vienna o la prua della nave Puglia, incastonata sul promontorio collinare della villa.

A confermare lo strettissimo legame tra il Vittoriale e Gabriele D’Annunzio, anche in questi giorni di Natale, è la mostra “Omaggio a Gabriele D’Annunzio. Da Filippo Tommaso Marinetti a Luigi Ontani” che sta trovando spazio proprio all’interno del Vittoriale. La mostra unisce opere già presenti all’interno della casa-museo con altre opere pensate appositamente da artisti contemporanei. La mostra resterà allestita fino al 31 dicembre. Per informazioni è possibile contattare il numero 0365296511.

Il Vittoriale omaggia D’Annunzio anche a Nataleultima modifica: 2010-12-27T08:30:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento