Ars Gustandi: cucina e arte binomio perfetto

mangiare.jpgLa bellezza spesso va di pari passo con la bontà, anche a Brescia. Proprio da oggi e fino al 28 novembre infatti torna infatti l’appuntamento con Ars Gustandi, rassegna organizzata da Confesercenti, Confcommercio, Bresciaturism ed altri e dedicato al connubio tra buona tavola e arte in varie sue forme.

Il progetto peraltro prevede per quest’anno una sinergia con la grande mostra annuale che aprirà al Museo Santa Giulia l’11 febbraio e si intitolerà “Matisse – La seduzione di Michelangelo”. Chi infatti parteciperà alla rassegna culinaria avrà a disposizione un coupon-sconto del valore di 3€ sull’ingresso alla mostra.

Al progetto hanno aderito ben 18 ristoranti, i quali hanno organizzato 22 diverse iniziative tutte volte alla rivitalizzazione del centro storico di Brescia. Le serate inizieranno alle ore 19:45 ed avranno un costo variabile tra i 15€ ed i 45€ a persona. A seconda della serata e del menù alla bontà del cibo si affiancheranno a turno l’arte, l’artigianato, la poesia, il cinema, il tango e la fotografia.

Per questa edizione sono stati previsti momenti di approfondimento artistico-culturale “fissi”, che cioè non vengono meno con il concludersi della serata ma restano a disposizione initerrottamente per tutta la durata della manifestazione. Ci sarnno così le opere in marmo di Francesco Medici, quelle in ferro di Giuseppe Bonometti e la mostra di antichi ricettari manoscritti alla Biblioteca Queriniana.

A Montichiari c’è la Fiera Antiquaria

mobili-antiquariato.jpgUltimi giorni per gli appassionati per visitare la “Fiera Antiquaria” in quel di Montichiari, nella bassa bresciana. La Fiera infatti, aperta domenica 30 ottobre, è destinata a chiudere i battenti la domenica successiva, cioè la prossima, il 7 novembre.

Il Centro Fiera del garda sta infatti ospitando in questi giorni moltissime persone tra appassionati, collezionisti e semplici curiosi che si avvicinano a vario modo al mondo dell’antiquariato.

Gli espositori, avvero numerosissimi (si sfonda quota 100) provengono un pò da tutta l’Italia: oltre ai bresciani ci sono infatti gli spezini, i bolognesi, i cesenati, i mantovani, i fiorentini e molti molti altri, a conferma dell’importanza che questa Fiera si sta via via guadagnando nel settore,

Va da sè che la parte del leone in questa rassegna la vanno a fare sopratutto mobili, quadri e suppellettili datati. C’è però anche tutta una parte della rassegna fieristica che è dedicata all’arredamento tradizionale e popolare europeo e si spinge fino alle “derive” vintage e del collezionismo.

Fino a venerdì la Fiera rispetterà l’rario 15:00-20:00, mentre sabato e domenica resterà aperta per più tempo, dalle 10:00 alle 20:00. L’ingresso costa 10€ (7€ per i visitatori over 65). Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.centrofiera.it

Casa della memoria, due libri tra attentati e golpe

Pietro Calogero.JPGDue giovedì consecutivi con due importanti presentazioni di altrettanti libri. E’ quanto sta per arrivare il 4 e l’11 settembre alla sala Piamarta di via S. Faustino 74.

L’Associazione dei Familiari dei Caduti di Piazza della Loggia infatti, in collaborazione con il Comune di Brescia e la Provincia, ha organizzato due importanti occasioni per discutere del clima storico in cui si inserì la strage che il 28 maggio 1974 costò a Brescia 8 morti e 106 feriti.

Il primo di questi appuntamenti è previsto per giovedì 4 novembre quando presso la sala Piamarta verrà presentato “Terrore rosso”, libro che come già il titolo rivela vuole indagare sull’eversione brigatista, in particolare nel Veneto e nel padovano degli anni ’60-’70. I libro è scritto a sei mani ed infatti riflette la stessa struttura narrativa che parte da punti di vista separati, quello giornalistico, quello storico e quello giudiziario, che tendono però tutti ad un’unica verità. Alla presentazione saranno presenti: Pietro Calogero (Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Venezia e autore del libro), Guido Papalia (Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Brescia) e Silvia Giralucci (figlia di Graziano Giralucci, vittima delle BR).

Il secondo appuntamento è previsto per giovedì 11 novembre. In quell’occasione verrà presentato il libro “Il piano solo”. Si tratta di una ricostruzione storica molto dettagliata effettuata da Mimmo Franzinelli sul c.d. “piano solo” ossia il piano segreto elaborato nell’estate del 1964 dall’allora Presidente della Repubblica Segni ed il Generale De Lorenzo, comandante dell’Arma dei Carabinieri, che prevedeva una sorta di golpe militare con l’assenso del Capo dello Stato che avrebbe previsto anche l’imprigionamento di centinaia di cittadini attivisti di sinistra; il tutto sullo scenario di un’Italia divisa dalla guerra fredda e vicina allo scontro civile.