Brescia si apre al cricket

cricket.jpgFinalmente una buona notizia per i tanti appassionati di cricket (soprattutto di origine pakistana e indiana) presenti a Brescia.

 

E’ notizia di questi giorni che in città verranno finalmente allestite 3 aree (seppur piccole) in cui poter praticare questo sport. Ad oggi infatti era assolutamente vietato esercitarsi con la mazza in mano in ogni angolo della città, pena una salatissima multa. La stessa che potrebbe colpire anche chi gioca a calcio, a freesbee o, più semplicemente si mangia un gelato o un frutto. Già, perchè questo è quello che prevede il rigidissimo (e a volte insensato) regolamento comunale bresciano.

 

Le aree prescelte sono quelle dei parchi “Ori Martin” vicino al fiume Mella, nel giardino della via Strada antica mantovana e nell’area verde di via Stassano. In ciascuno di essi verrà disegnata un’area di 20 metri di lunghezza e 4 di larghezza, esattamente quella che corrisponde alla superficie di lancio. Uno dei tre campi (quello di via Stassano) potrà addirittura diventare regolamentare in futuro.

 

Si chiudono qui (forse) le polemiche, nate in passato anche perchè l’estrema rigidezza nell’applicazione del regolamento di polizia urbana, voluta caldamente dal vicesindaco Rolfi in forza della tolleranza zero che lo contraddistingue spesso, avevaportato dei solerti assistenti civici a multare alcuni ragazzi di origini asiatiche che, la domenica mattina, a parco praticamente vuoto, e con una palla da tennis anzichè di legno come sarebbe quella regolamentare, si allenavano a cricket. Peccato che uno di loro fosse un giocatore della nazionale italiana che aveva finito inevitabilmente di attirare su di sè l’attenzione anche dei media.

 

Per fortuna oserei dire, perchè se fossero stati ragazzi asiatici “comuni” sarebbero semplicemente stati le vittime silenziose di un sistema tanto miope quanto ottuso.

Gnari de Mompià: una festa alla faccia della Loggia

rifugiomompiano.jpgE’ iniziata sabato la nove giorni di festa organizzata dall’associazione “Gnari de Mompià” (trad: ragazzi di Mompiano) al parco Castelli. I festeggiamenti proseguiranno fino allla prossima domenica, l’11 luglio.

Il programma della festa è assai variegato e comprende cinque concerti, un coro lirico, una biciclettata, un ballo latino e tanti dibattiti. Insomma non ci si annoierà.

La festa torna dopo qualche anno perchè, come ha detto il Presidente dell’Associazione, la volontà di mantenere aperto il bellissimo rifugio (in foto) oggi gestito dall’asociazione sui montimompianesi nella zona della ex-polveriera. Già, perchè fin’ora l’attività del gruppo è stata sempre sostenuta dalla Loggia; oggi invece l’Amministrazione bresciana si è dimostrata meno vicina, specialmente con le parole dell’assessore Vilardi che ha mostrato di considerare l’attività dell’associazione più un’attività commerciale che di volontariato. Come se dal gestire il rifugio si potessero guadagnare grandi cifre in grado di ricompensare il lavoro svolto.

Giovedì, serata dedicata al tema “La città nell’intimo della natura” erano stati invitati anche il Sindaco Paroli e l’assessore Vilardi. L’invito è però caduto nel vuoto perchè entrambi hanno fatto sapere che non potranno essere presenti.

Motivo in più per far sentire la vicinanza di tutti noi all’associazione “Gnari de Mompià”, che come poche altre si batte con serietà per una seria riqualificazione dell’ex polveriera di Brescia. fregandosene delle amministrazioni, sapendo che quelle passano ma Brescia e i suoi cittadini restano.

Per ulteriori informazioni: www.gnarimompia.it

Siamo in festa: c’è sOMEnfest

linea_77.jpgWeekend con musica di altissimo livello quello che tsa per arrivare a Brescia, anzi a Ome, piccola cittadina della Franciacorta. Qui, in una location assolutamente fantastica, si terrà la sesta edizione di sOMEnfest (tradotto dal dialetto bresciano: siamo in festa).

Si tratta di una oramai famosissima 3 giorni a base di musica rock, anzi di ottima musica rock. In pochi anni infatti il sOMEnfest è diventato uno degli appuntamenti più importanti e graditi dell’estate bresciana.

Dal 2005 infatti sul palco del sOMEnfest sono saliti gruppi di spicco del panorama italiano ed internazionale quali Tre Allegri Ragazzi Morti, Bugo, Canadians, Transgender, Lombroso, Marta Sui Tubi, The Hormonauts, Marydolls, LN Ripley, Fratelli Calafuria, The Record’s.

Quest’anno invece l’evento verrà inaugurato venerdì sera dal gruppo nu metal dei Linea 77 (in foto), poi sabato toccherà agli Zzz ed infine domenica ai Bud Spencer blues explosion. Insomma, il sOMEnfest non è nè un raduno rock nè una sagra paesana, ma è più semplicemente la fusione dei migliori aspetti di entrambi.

Tutti gli spettacoli, oltre che essere tenuti in un bellissimo anfiteatro naturale formatosi tra le colline della Franciacorta, saranno interamente gratuiti. Il ricavato sarà devoluto in beneficienza: motivo in più per non mancare.