Brescia Calcio: Flachi positivo alla cocaina. Ora rischia la radiazione a vita.

palla football.jpgIn origine fu Johnatan Bachini. Venne a Brescia con un grave fardello sulle spalle, cioè quello di rifarsi una carriera nel mondo del calcio professionistico dopo essere stato pizzicato positivo alla cocaina. Poco dopo che se ne andò dalle Rondinelle venne trovato nuovamente positivo e quindi squalificato a vita.

Dopo di lui altri giocatori passati da Brescia ebbero qualche problema con i controlli antidoping. Giusto per ricordarne un paio basta fare i nomi del grandissimo Pep Guardiola o, più recentemente, di Possanzini, che ricevette una squalifica per essersi recato con 15 minuti di ritardo ai controlli antidoping (risultati comunque negativi) nel dopopartita.

Ora tocca all’ultimo fantasista delle Rondinelle: Francesco Flachi. L’attaccante del Brescia era già stato trovato positivo alla benzoilecgonina (un metabolita della cocaina) per la seconda volta. La prima fu nel 2007 a seguito della partita Sampdoria-Inter. Si prese una squalifica di 2 anni e tornò in campo solo a febbraio 2009, meno di un anno fa.

Ad agosto Flachi venne assoldato dalle rondinelle. ma adesso, dopo questi test positivi nuovamente al medesimo metabolita della cocaina, la leonessa d’Italia rischia seriamente di perdere uno dei suoi pezzi più pregiati per la seconda parte di questo campionato, anzi per sempre visto che stando al regolamento la seconda positività ai test comporta la squalifica a vita.

Brescia Calcio: Flachi positivo alla cocaina. Ora rischia la radiazione a vita.ultima modifica: 2010-01-15T08:00:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Brescia Calcio: Flachi positivo alla cocaina. Ora rischia la radiazione a vita.

Lascia un commento