Se sei uno studente universitario è più facile muoverti a Brescia

trasporti-bresciani.jpgSi prospettano tempi migliori per gli studenti universitari bresciani, almeno per ciò che riguarda le loro tasche. Si sa, tra i 20 e i 25 ci sono sempre mille cose da fare, continui spostamenti da una parte all’altra della città e mille amici con cui tenersi sempre in contatto.

E se lo stile di vita è questo anche i continui spostamenti hanno un loro costo, spesso elevato per le tasche vuote dei ventenni. Costi però che stanno per diminuire. Infatti da un accordo tra Brescia Mobilità, Brescia Trasporti, Sintesi e la Loggia.

Innanzitutto i parcheggi: una tessera prepagata (acquistabile direttamente nelle due strutture), con uno sconto del 33% sulla tariffa della sosta oraria, per parcheggiare in Fossa Bagni o alla Randaccio.

Autobus: è stata introdotta la Omnibus Card (5 euro), sulla quale è possibile caricare un abbonamento agevolato di corse della “filo” per la modica cifra di 35 euro per cinquanta corse(Zona 1) e 45 euro per cinquanta corse (Zona 1 e 2).

Bicimia: gli universitari sono esentati dal versamento della cauzione di 25 euro per ricevere la tessera (necessaria per usufruire del servizio di noleggio); mentre viene richiesta solo la ricarica minima di 5 euro per il pagamento degli eventuali noleggi sopra i 45 minuti.

Unico requisito per poter usufruire di tutti questi vantaggi: poter presentare un qualunque documento attestante il perdurare dell’iscrizione presso un ateneo bresciano. Non sarà una vera e propria rivoluzione, ma un passo in avanti lo è di sicuro.

Brescia va a Milano per l’ “Artigiano in fiera”

FieraMilano.jpgCome ogni anno, anche in questo 2009 Milano ospiterà l’annuale edizione dell’ “Artigiano in Fiera”, organizzato per quest’ultima edizione dalla Ge.Fi. (Gestione Fiere) in collaborazione con Regione Lombardia, con il patrocinio di Provincia e Comune di Milano e promossa con Cna, C.L.A.A.I., Casartigiani e Confartigianato. La location, come già l’anno scorso, sarà il polo di Fieramilano.

Chi si potrà e vorrà recare a zonzo in quel di Milano tra il 5 e il 13 dicembre potrà farci un pensierino. Gli auguro sinceramente di trovare però una fiera un pò diversa da quella dello scorso anno quando, per esperienza personale, erano ben poche le bancarelle artigiane nel vero senso della parola e molte altre avevano invece merce di qualità medio-bassa del tipo “made in china” o “made in taiwan”.

Ad alzare il livello dell’ “artigiano in Fiera” del 2009 spero contribuiscano anche le 32 aziende bresciane che parteciperanno: da Artitalia srl al calzificio ragnoli angela e brunella snc, dal cantiere nautico montisola ai Fratelli Clamer snc, da Le delizie dell’alveare alla vetraria Ducoli. E mi scuso per ricordarle tutte.

Io probabilmente ci tornerò anche quest’anno, pur se con poca fiducia. Spero che le aziende bresciane in primis mi facciano ricredere.