I bresciani disertano i mezzi pubblici

Ticket-RightBus.jpgGli ultimi dati arrivati, relativi al 2009, costituiscono una bella botta per Brescia Trasporti, la società che gestisce appunti i trasporti pubblici locali degli autobus cittadini. Fino all’anno scorso il trend era decisamente positivo e in crescita costante; si veleggiava all’incirca intorno ad un +4% annuo di passeggeri.

Dal gennaio del 2009 però la percentuale non si è semplicemente ridotta, ma ha segnato addirittura una netta, nettissima, decrescita: meno 5,5% circa. Una batosta difficile da digerire. Specialmente se si tramuta la percentuale in numeri: si parla infatti di circa 200mila passeggeri con biglietto in meno. L’unico settore che sembra reggere e non sentire la crisi (che non ha in realtà un diretto collegamento con la crisi mondiale, anzi ne dovrebbe essere avvantaggiato) è quello degli abbonamenti.

Comunque la si prenda la notizia non è positiva: se infatti si dovesse trattare di una riduzione “fasulla” dovuta semplicemente al mancato acquisto del regolare biglietto di viaggio con la speranza di farla franca ciò vorrebbe dire minori incassi per la società, che si rivarrà automaticamente sui passeggeri che il biglietto lo pagano. Se invece si dovesse trattare di una riduzione effettiva dei passeggeri sarebbe spiacevole prendere atto di come dopo anni di fatica per convincere la gente a lasciare in garage l’auto gli sforzi si siano dimostrati facilmente vanificabili.

I bresciani disertano i mezzi pubbliciultima modifica: 2009-12-18T08:00:00+01:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento