Un weekend tra il jazz, lo ska ed il folk: alla festa di radio Onda d’Urto vanni in scena i Quintorigo, gli Hormonauts e i Luf

quintorigo_play_mingus.jpgQuello che si sta aprendo sarà un fine settimana al’insegna dell’ottima musica alla festa di Radio Onda d’Urto (zona S.Eufemia). La serata di venerdì sul palco principale della festa saliranno i Quintorigo, con alla voce Luisa Cottifogli. La band, nota tra le altre cose per aver partecipato al festival di Sanremo nel ’99 con la canzone Rospo e per aver vinto nello stesso anno il premio Tenco, dopo essere rimasta orfana della voce di John de Leo (2005) si è dedicata, insieme alla nuova cantante Luisa Cottifogli, ad un progetto, che verrà portato in scena anche questa sera a Brescia, di reinterpretazione dei brani del grande compositore americano Charles Mingus, contrabbassista, pianista e compositore considerato tra i padri del jazz moderno, morto nel lontano ’79. Ingresso 5€.

Domani invece il palco principale verrà riempito con l’energia “spaccatutto” del trio italiano (ma con voce in realtà scozzese) degli Hormonauts. In scena porteranno il loro repertorio di rockabilly, rocksteady e punk. A conferma della qualità del gruppo basta sottolineare che la loro rivisitazione di Staying Alive è stata inserita nella colonna sonora per il film francese J’irai dormir a’ Hollywood distribuito dalla Disney. Ad aprire la serata il gruppo reggae bergamasco degli Askers. Ingresso 5€.

La domenica invece le luci dei riflettori saranno puntate sui Luf, band bresciana, anzi camuna per la precisione, che si è saputa far apprezzare anche nel resto della Lombardia e del Nord Italia con le loro sonorità tipicamente rock-folck, un pò in stile The Pogues e Modena City Ramblers. Ad aprire il concerto il duo siciliano dei Pan del Diavolo, armati di chitarra e grancassa. Ingresso (simbolico) 1€.

Un weekend tra il jazz, lo ska ed il folk: alla festa di radio Onda d’Urto vanni in scena i Quintorigo, gli Hormonauts e i Lufultima modifica: 2009-08-21T08:00:00+02:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento