Brescia a passo di tartaruga.

slowtime.jpgÈ la tartaruga il simbolo adottato da SlowTime, un’associazione di promozione culturale che ha realizzato un’iniziativa e un sito molto interessanti, definendo 6 itinerari turistici in Brescia pensati per essere accessibili anche a chi ha problemi motori o si muove in carozzella.
Sul sito, oltre ai 6 itinerari dettagliati, completi di mappe e di livelli di difficoltà, sono presenti anche due elenchi rispettivamente di locali e di alberghi accessibili: per i locali viene indicato se la soglia è a raso strada o se vi sono pochi centimetri da superare per entrare, se sono presenti servizi igienici attrezzati e se in prossimità si trovano parcheggi per disabili; per gli alberghi viene indicato il numero delle camere attrezzate presenti, ma nella lista sono comprese soltanto le strutture accessibili in ogni parte, dalle sale riunioni, al bar, al ristorante, ecc.
Inoltre vi è anche un form attraverso il quale si possono segnalare eventuali barriere architettoniche incontrate e non segnalate nei vari itinerari.
Gran bella iniziativa, e uno stimolo, anche per chi può camminare normalmente, a riappropriarsi di tempi lenti, che permettano di gustare appieno le bellezze artistiche e culturali del territorio, e di sottrarsi per un po’ alla frenesia che spesso domina le nostre vite.

Brescia a passo di tartaruga.ultima modifica: 2009-07-20T08:30:00+02:00da VirgilioBrescia
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento