Al Palabrescia arriva Don Gallo. In bocca le parole del Savonarola.

dongallo.jpgUn prete che porta in teatro le parole di un eretico, bruciato vivo. Nella Brescia di questo inizio di 2013 accade anche questo.

Il prete risponde al nome di don Andrea Gallo, anziano combattente di origini genovesi che dopo decenni da “prete di frontiera” (nel senso di vicinanza agli ultimi ed ai disagiati) ancora si ostina cocciutamente a portare avanti il proprio messaggio di vicinanza.

L’eretico è conosciuto in tutta Italia con il nome di Girolamo Savonarola,arso vivo nella sua Firenze del 1498 e poi riabilitato al tribunale della storia dalla diocesi gligliata nel 1997 con l’appellativo di “servo di Dio”.

Grazie all’adattamento teatrale di Stefano Massini, le parole del predicatore di fine ‘400 risuoneranno grazie alla voce di un predicatore (e non imbonitore) del giorno d’oggi. Il tutto con accostamenti a musica e citazioni di pensatori cari al prete genovese. C’è da scommetterci che non mancheranno parole e musica firmate De Andrè, amico personale di Don Gallo e da sempre uno degli artisti più sensibili a certi temi.

Lo spettacolo “Io non taccio” andrà in scena questa sera al Teatro PalaBrescia alle ore 21. I biglietti (a partire da 16€ più prevendita) sono acquistabili sul circuito TicketOne.

Palabrescia: pronta la stagione teatrale 2012/13

colpi_di_scena.jpegNon solo Grande, non solo Sociale. Brescia si conferma città fertile per il teatro, al punto tale che anche il Palabrescia ha appena ufficializzato la sua stagione 2012/13.

Una stagione ricca di appuntamenti, che offrirà ai bresciani una vasta gamma di alternative ricreativo/culturali.

Il cartello prevede infati ben 20 spettacoli (e 23 repliche), con possibilità peraltro che il novero degli appuntamenti venga man mano aumentato nei prossimi mesi.

La stagione (che si intitolerà “Colpi di scena”) prevede, fra le tante rappresentazioni, le seguenti: il family show per piccini  Colpi di Scena! al teatro PalaBrescia, stagione 2012-2013: info e programma
Heidi – La commedia musicale, in scena domenica 2 dicembre, seguito da
Colpi di Scena! al teatro PalaBrescia, stagione 2012-2013: info e programma
Peter Pan – il Musical Forever, il 18 e 19 dicembre.

Il 2013 si aprirà invece all’insegna del doppio appuntamento con Colpi di Scena! al teatro PalaBrescia, stagione 2012-2013: info e programma
Il libro della giungla e La Sirenetta alle ore 16 e alle ore 18:30 di Domenica 6 gennaio.

Il 16 gennaio si cambia decisamente registro. Il “prete degli ultimi”, come viene spesso definito, Don Andrea Gallo porterà in scena Colpi di Scena! al teatro PalaBrescia, stagione 2012-2013: info e programma
Io non taccio
, spettacolo in cui verranno ripresi gli scritti dell’eretico Girolamo Savonarola.

Per ulteriori informazioni e per l’intera stagione 2012/2013 del Palabrescia visitate il sito http://www.palabrescia.it/stagione.asp?idt=6

Anteprima Nazionale al PalaBrescia per Benni e Fresu

palabrescia.jpegImportantissimo appuntamento questa sera al palaBrescia. Andrà infatti in scena la prima a livello nazionale dello spettacolo “MELO’DIA La sfida dei principi trombettieri”.

La rappresentazione nasce dal connubio artistico di un duo sui generis, composto da artisti di primissimo piano a livello nazionale. S i tratta infatti del grande scrittore Stefano Benni e del musicista Paolo Fresu. Il primo è stato uno dei massimi scrittori italiano del secondo dopoguerra ed alcuni dei suoi libri hanno segnato una svolta generazionale nel mondo della scrittura. A me personalmente sono rimasti nel cuore “La compagnia dei celestini” e “Saltatempo”, oltre che molte peosie trasmutate poi in testo di canzoni bellissime come “Ahmed l’ambulante” dei Modena City Ramblers.

Paolo Fresu è invece un vecchio (non in senso anagrafico) lupo del palcoscenico jazzistico italiano e può contare una carriera di primo piano essendosi già lasciato alle spalle qualcosa come più di 2500 concerti e la partecipazione a circa 260 album, tra cui alcune collaborazioni con Ornella Vanoni, Alice e Claudio Baglioni.

Ora dalle menti geniali di questi due personaggi è nato questo particolare spettacolo, che altro non è (a detta degli stessi autori) che una beffarda fiaba musicale in cui 5 principi trombettieri lottano a suon di musica per conquistare la bella principessa. A Benni spetta la parte del lettore ed a Fresu ovviamente quella musicista.

L’appuntamento è per questa sera al teatro Palabrescia di via San Zeno alle ore 21. Per info: 030.34.88.88 e info@palabrescia.it.

“Io? Doppio!”: quando i film parlano livornese

paolo_ruffini.jpgI cinefili, magari anche amanti delle grasse risate, sono avvisati. Sabato sera arriva sul palco del Palabrescia il toscanaccio dissacrante Paolo Ruffini, attore ed ex Vj di MTV.

Ruffini si fa forte della sua simpaticissima parlata livornese e decide di doppiare “live” tantissimi tra i più grandi film portando quel pizzico di comicità spesso semplice ma al contempo efficace.

Lo spettacolo prevede sul palco il solo Ruffini (che comunque viene supportato nello spettacolo da Lorenzo “Ciccetto” Ceccarini) ma non si tratterà di un lungo monologo; il pubblico è parte integrante, anzi integrantissima di quello che è stato definito come il primo “reality show teatrale”.

Il carattere popolare dello spettacolo è fuori di dibbio e se siete troppo timorosi e timidi per salire sul palco con Ruffini, beh, per sicurezza è meglio che non compriate il biglietto.

Ah già, il biglietto. Il più economico costa 12€, il più caro (la poltronissima gold) 22 €. Poco più di una serata al cinema, quindi davvero alla portata di tutti.

I doppiaggi di Ruffini possono vantare ben 316mila spettatori nella sola Toscana e 5 milioni di visualizzazioni su Youtube; serve altro per convincervi?

Paolo Conte pronto ad incantare Brescia

paolo conte.jpgDevo essere sincero, sono mesi che aspettavo questo grandissimo evento, e finalmente adesso l’attesa si sta per concludere. Tocca a lui, il grande maestro, Paolo Conte riempire il palco del Palabrescia come solo i grandi sanno fare. E non ci sono dubbi che lui lo saprà fare.

L’artista è nobile d’animo, anche più di quanto lascia intendere il suo cognome; la capacità di esprimere attraverso le parole stati d’animo di ciascuno ha pochi eguali in Italia, se poi a ciò si aggiunge che la musica non è un banale sottofondo ma quasi un secondo metodo di espressione, che entra in punta di piedi nelle orecchie e nella mente di chi ascolta, ma che non sembra volersene andare con la fine della canzone.

Se ci fossero dubbi baterebbe dire che dietro alle parole di canzoni italiane celeberrime che sembrano essere delle highlander rispetto alle canzonette da una stagione e via c’è spesso lui. Ha praticamente esordito con “Insieme a te non ci sto più” per la Caselli e con “Messico e nuvole” per Jannacci. E se questo è stato l’esordio era facile prevedere che la carriera da cantautore sarebbe stata trionfale.

Oggi, alla veneranda età di 73 anni suonati, con la forza di chi ne ha 20 di meno, ma con una capacità di chi ha sul groppone quasi 50 anni di spettacoli in tutto il mondo, specialmente in Italia ed in quello francofono, ha ancora la forza di riempire teatri e palasport un pò ovunque.

Anche a Brescia, per mia fortuna. Con chi ha già comprato i biglietti (ora praticamente esauriti) ci si vede domani sera alle 9, in rigoroso silenzio per non perdere neanche una nota del maestro.