Seridò 2012, 8 giorni di puro gioco

serido.jpg“Il sogno di una bambino è andare a Gardaland” diceva un gingle pubblicitario del più famoso parco divertimenti italiano. A Brescia però, pur se per soli 8 giorni all’anno, c’è una validissima alternativa per i più piccini.

Il Seridò aprirà i battenti tra meno di un mese al Centro Fiera di Montichiari e per 8 giorni sarà la capitale bresciana per il divertimento dei più piccoli.

Questi ultimi, nei giorni 21, 22, 24,25, 28,29,30 aprile e 1 maggio, avranno a loro disposizione la bellezza di oltre 100 aree gioco con laboratori creativi, giri a cavallo, gonfiabili, discipline sportive, spettacoli teatrali e molto altro.

Per i bambini fino a 12 anni l’ingresso a Seridò è libero, mentre il costo d’ingresso per gli adulti è di 10 euro; il parcheggio è gratuito. Il Seridò è aperto dalle 9,30 alle 19,00 con orario continuato. Per informazioni più dettagliate è possibile visitare il sito ufficiale dell’evento www.serido.it oppure consultare la pagina ufficiale della festa su facebook: www.facebook.com/festaserido 

Seridò: la festa dei bambini

serido.jpgCome ogni anno arriva puntuale anche in questo 2010 la nuova edizione di Seridò, rassegna dedicata esclusivamente ai bambini fino ai 12 anni ed al loro mondo ludico, fatto tanto di oggetti concreti quanto di trasfigurazioni mentali e fantasiose in grado di sviluppare la loro creatività.

Anche quest’anno Seridò ha trovato casa a Montichiari, al Centro Fiere del Garda. Qui verranno infatti allestiti ben 120 spazi-gioco in cui i più piccoli potranno dare libero sfogo all’inesauribile voglia di giocare che hanno sempre. Si parte dai tappeti elastici e si arriva fino ai trenini, si va dalle costruzioni giganti fino al villaggio indiano, passando naturalmente per la sabbionaia, i tricicli, il serpentone-treno e, i timbri e gli acquarelli. Non mancheranno nemmeno gli spazi dedicati ai supereroi più amati come Superman e Batman.

All’interno di Seridò però non ci sarà spazio solo per le aree-gioco ma anche per piccoli teatri, dedicati naturalmente ai pargoli bresciani e non solo. Si passerà così dallo spettacolo “Il potere del talismano” dei Burattini di Onofrio alla rappresentazione “Il sogno nel castello” del Teatro daccapo, ed altre 2 rappresentazioni. Di ciascuna (della durata di mezz’ora circa) verranno proposte ben 6 repliche giornaliere.

Seridò sarà aperto dalle 9:30 alle 19:00 con orario continuato, dal 30 aprile al 9 maggio (ad eccezione dei giorni del 3, 4 e 5 maggio). Fino ai 12 anni l’ingresso è gratuito, per gli altri basteranno 9€.

Beneficienza, uguaglianza e furbetti nella provincia bresciana

mensa.JPGDa qualche settimana sulle cronache nazionali tiene banco il “caso Adro”, dove il sindaco leghista Lancini si sta battendo contro le famiglie che non pagano la mensa scolastica dei propri figli. Il primo cittadino di questo piccolo paese franciacortino a circa una ventina di km ad ovest di Brescia, dopo aver constatato che diverse famiglie risultavano morose di alcune rate della mensa scolastica dei propri figli, con incremento significativo a partire dai primi mesi del 2010, ha deciso di far recapitare a ciascuna famiglia una lettera dove si invitavano le famiglie a saldare il debito, altrimenti i figli non sarebbero più sttai accettati alla mensa.

Tanto tuonò che piovve. A salvare il nutrito gruppetto di bambini di scuola materna ed elementari è intervenuto un anonimo imprenditore adrense che, con un bonifico di 10mila Euro, ha appianato tutti i debiti e si è anche detto disposto ad accollarsi tutte le rate che risluteranno non pagate da qui fino alla fine dell’anno scolastico. Il benefattore però non si è limitato all’esborso monetario ma anche invece deciso di fare sapere come la pensa con una lettera resa pubblica. In soldoni il suo ragionamento è: nella quarantina di famiglie morose ci saranno pure alcuni “furbetti” che non pagano pur avendo tutti i mezzi necessari, ma è altrettanto vero che ci sono numerose famiglie di immigrati o di italiani in crisi economica i cui figli non devono essere considerati e trattati come studenti di serie B. Qualcuno di quei bambini probabilmente in futuro sarà un medico, un ingegnere o un’insegnante e già solo questo è sufficiente per il generoso imprenditore per giustificare un esborso in prima persona di 10mila Euro.

Nella lettera, oltre all’ovvio attacco lanciato al primo cittadino, l’imprenditore ha anche sottolineato la mancanza di una presa di posizione da parte dei vertici ecclesiastici della cittadina franciacortina, accusati di barattare l’abbandono del sostegno ai più poveri in cambio del sostegno a non meglio identificate “radici cristiane”.

Sta di fatto che la piccola cittadina è da qualche giorno in subbuglio, tra chi sostiene la linea “dura e senza sconti” del sindaco e chi invece apprezza l’interevento ed il ragionamento solidaristico dell’imprenditore-benefattore.

1, 2, 3… Castello!

123castello.jpgLa scuola o l’asilo sono finiti e le vacanze al mare o in montagna sono ancora lontane? I bambini si annoiano e bisogna inventarsi qualcosa per tenerli occupati e farli divertire?
Il comune di Brescia può dare una mano, con questa iniziativa che, partita a metà maggio, continua ancora fino al 12 luglio e poi riprenderà a settembre.
Si tratta di una serie di eventi e di attività ludiche ed educative organizzate nell’area del Castello e rivolte ai bambini e alle famiglie di Brescia e provincia ed è un’occasione anche per visitare i luoghi storici del colle Cidneo e per imparare a considerare quelle mura ricche di storia, non soltanto come sede di musei, un po’ lontane dalla vita quotidiana, ma come  luogo d’incontro e centro pulsante di attività cittadine.

Ogni giorno sono previsti due appuntamenti: alle 15 con Un mondo di gonfiabili e alle 17 con Merenda al Castello e Libri a merenda.

Sabato 11 luglio poi il castello si trasformerà in un’arena dell’antica Roma, dove i bambini vestiti da antichi romani potranno sfidarsi a duello e rivivere l’atmosfera dei tempi di Cesare e di Pompeo
Domenica 12 luglio si festeggerà invece nientemeno che il compleanno di Asterix, e si potrà soffiare sulle 50 candeline della torta insieme a tutti i personaggi del famoso villaggio gallico.

Non solo l’ingresso agli eventi è completamente gratuito, ma per i giorni di evento è prevista anche una navetta gratuita per raggiungere il Castello e una buona merenda per tutti i bambini.

Per maggiori informazioni ecco il sito dell’iniziativa http://www.unoduetrecastello.it