Brescia saluta il 2010

450635_happy_new_year_3.jpgQuestione di poche ore e potremo salutare questo 2010. Com’è stato il vostro? Spensierato, felice, triste? Il mio, per quanto possa importare, sopratutto impegnativo. In ogni caso, sia che vi sia piaciuto sia che non vediate l’ora di chiudergli la porta in faccia, questa sera sarà il momento di voltare pagina sul calendario ed entrare nella seconda decade del millennio.

Anche a Brescia, come del resto in ogno altra parte d’Italia, i modi per salutare il 2010 non mancano. Buona parte dei bresciani resterà con gli amici, magari con una bella cena in casa (viste le ristrettezze economiche del momento) che spesso assume i contorni di un “richiamino” dei pasti natalizi appena trascorsi. Altri, certamente una minoranza, lascerà la propria casa e si dirigerà chi all’estero, chi in paesi esotici a godersi il sole ed il caldo e chi infine inaugurerà il 2011 in montagna magari con una bella sciata.

Per chi purtroppo non potrà trascorrere altrove questo Capodanno ecco alcune interessanti proposte  a due passi da casa. A farla da padrone a Brescia e provincia è la formula cena+ingresso in discoteca (non il mio genere, ma qui va per la maggiore), così ad esempio il Pagodino (zona Castello) propone una cena a 80€, mentre il solo ingresso in discoteca costa 30€. Il Circus Beat Club (che apre i battenti alle ore 23 per permettere una cena a casa o da qualche altra parte) prevede biglietti d’ingresso da 20€ in prevendita e 25€ se acquistati sul posto. Il Papero e Fragole chiede invece un contributo di 85€ per cena più discoteca. Chi invece non è tipo da discoteca può orientarsi verso la Latteria Molloy o il Vinile 45. La prima non ha costi d’ingresso (!) se non la sottoscrizione della tessera Uisp (da richiedere preventivamente a latteria.molloy@gmail.com) e farà suonare sul suo palco Monolithic, Halloweem trash party e la Cassonetto crew per il djset. Al Vinile 45 toccherà a Marco Obertini ed al suo dj set (ingresso gratuito previa presentazione di tessera arci, sottoscrivibile anche in loco).

Qualunque sia la vostra scelta sul questo Capodanno vi auguro un 2011 splendente e ricco di soddisfazioni. Ci risentiamo l’anno prossimo.

Brescia fa “il pieno di cultura”

cultura.jpgE’ un fine settimana all’insegna dell’approfondimento culturale quello che si sta aprendo a Brescia. A dirla tutta Brescia non sarà l’unica perchè la Leonessa d’Italia ha aderito ad un’iniziativa dal titolo “Fai il pieno di cultura” organizzata a livello regionale con l’aiuto e l’approvazione delle 12 province lombarde.

Si tratta di una 3 giorni (24-26 settembre 2010) in cui a farla da padrone saranno tutti gli angoli culturali delle principali città e cittadine della Lombardia: dalle chiese alle biblioteche, dai chiostri ai musei.

A Brescia e nel bresciano in genere le iniziative sono moltissime. Ad esempio da oggi al Museo Civico di Scienze Naturali di via Ozanam è possibile visitare la mostra “Wildlife photographer of the year”. Sempre da oggi aprono i battenti anche le visite guidate al Museo Mericiano di via Crispi e della “Raccolta della Brigata Meccanizzata Brescia” alla Caserma Goito di via Calegari.

Domani sera invece presso la Chiesa di San Giorgio, nella piazetta omonima, ci sarà la rappresentazione teatrale “In nome della Madre”, eseguita dalla compagnia Teatro Telaio. L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti.

Domani e domenica al Museo del ferro (via del Manestro) ci sarà una mostra di modellini dal titolo “Le macchine di Leonardo Da Vinci”. Domani pomeriggio infine (orario 15:00-18:00) la biblioteca del Museo Civico di Scienze Naturali resterà aperta in via straordinaria con un laboratorio e letture animate per bimbi dal sapore scientifico.

Per ulteriori informazioni, e per conoscere anche tutte le altre iniziative in programma nel bresciano è possibile consultare il sito della Regione Lombardia e quello della Provincia di Brescia.

Una notte bianca tutta d’arte

brescianottebianca.jpegNuova edizione della notte bianca made in Brescia quella che si sta per aprire il 2 ottobre. Questa volta il filo conduttore di tutto sarà l’arte, declinata in molte delle sue forme.

Questa nuova notte bianca si snoderà lungo 3 percorsi: i luoghi dell’arte, gli eventi dell’arte e le gallerie. Per ciascuno di questi, dalle 20 alle 2 di notte sono previsti specifici passaggi e luoghi di Brescia da guardare sotto la luce notturna.

Le installazioni del percorso “i luoghi dell’arte” sono disseminati in tutto il centro cittadino e sono ad ingresso gratuito. Si inizia con il museo Santa Giulia dove si potrà vedere “Intemporanea, 20 contaminazione contemporanee”, oppure alla biblioteca Queriniana per “Libri d’autore – Farsi figura”.

Per quanto riguarda il percorso “gli eventi dell’arte” si segnalano tra le altre cose gli spettacoli organizzati dagli studenti del Laba in Piazza del foro, raggruppati sotto il titolo “Steel day 2010 – tra pittura e fotografia”.

Per il terzo percorso (“le gallerie”) si segnalano le moltissime gallerie della leonessa d’Italia che hanno aderito all’iniziativa e che pertanto resteranno aperte e evisitabili gratuitamente; in particolare si tratta di: Agnellini arte moderna, Allegrini arte contemporanea, Colossi arte contemporanea, galleria delle Battaglie, galleria dell’Incisione, galleria Massimo Minini, Kanalidarte, Ken Damy e Spazio Contemporanea, Lagorio arte contemporanea, Marchina arte contemporanea, Maurer Zilioli contemporary arts, PaciArte contemporary, Fabio Paris art gallery, Reartuno studio, Skin gallery, Wavephotogallery, Ab/Arte e Studio Lb contemporary.

Per tutte le iniziative della serata è possibile consultare il sito www.nottebiancabrescia.it

Sfida tra le Quadre a Chiari

quadrechiari.jpgLa sfida è appena iniziata a Chiari e durerà fino al 12 settembre. A darsi battaglia in questa prima metà del mese saranno, come sempre dal 1979 ad oggi Zeveto, Villatico, Marengo e Cortezzano. Si tratta dei quattro quartieri in cui è suddivisa la popolosa cittadina dell’ovest bresciano, a metà strada tra la bassa e la Franciacorta.

Il Palio delle Quadre (ossia quartieri), chiamato volgarmente da tutti “le Quadre”, vede infatti sfidarsi fino all’ultimo i cittadini clarensi in diverse gare di abilità, precisione e fisiche per contendersi il famigerato drappo dell’artista Claudia Cavalleri.

Per regolamento il drappo verrà assegnato alla quadra che vincerà il Palio per 3 volte, anche non consecutive; siccome il 2009 ha visto l’assegnazione del drappo, a partire da quest’anno si ricomincia daccapo a contare. ovvio perciò che la vittoria di questa edizione sarà il primo passo, ma non il decisivo, per vedersi attributo il simbolo del primato.

Accanto alle gare, a fare da piacevole controno, ci saranno numerose altre attività culinariee culturali, tutte volte alla riscoperta di tradizioni assai radicate nel tempo, come ad esempio il trasferimento nel Settecenti di numerosi tessitori della seta da Valmadrera (Lecco) proprio a Chiari.

Che dire? Vinca il migliore.

A Brescia si organizzano “Vacanze fuori dal Comune”

campi di lavoro.jpgTorna anche quest’anno a Brescia l’iniziativa “Vacanze fuori dal Comune”. Si tratta di un’opportunità offerta dall’assessorato alle Politiche Giovanili insieme al Cts (Centro turistico studentesco) dedicato ai ragazzi tra i 16 ed i 26 anni (non compiuti) residenti nel capoluogo bresciano.

L’obiettivo degli organizzatori è quello di avvicinare questi ragazzi al mondo del volontariato nei suoi molteplici aspetti, specialmente in un Paese come il nostro dove senza le associazioni che operano pro bono buona parte dei servizi di cui i cittadini oggi godono cadrebbero nel nulla stante l’impossibilità per l’apparato pubblico di saperli garantire.

Le destinazioni sono sostanzialmente campi di lavoro umanitario/sociali, archeologici e naturalistico/ambientali organizzati da numerose associazioni in tutto il territorio italiano. Insomma, ce n’è un pò per tutti i gusti e per tutte le sensibilità, basta solo avere un briciolo di iniziativa.

Le domande di partecipazione andranno depositate entro il 30 luglio all’informagiovani di via S.Faustino oppure presso la sede del Cts in via Tommaseo. La Loggia ha fatto sapere di essere pronta a sovvenzionare con una cifra di 150€ circa 20-25 posti (l’anno scorso ai campi hanno partecipato 36 ragazzi); non si tratta certo di un grande sforzo economico. I contributi saranno disponibili solo fino al loro esaurimento; chi non vi rientrerà dovrà pagare la quota completa, da 100 a 300€.

Chi volesse avere maggiori informazioni può consultare il sito del comune di Brescia oppure il sito creato ad hoc per l’iniziativa (www.vacanzefuoridalcomune.it).

Seridò: la festa dei bambini

serido.jpgCome ogni anno arriva puntuale anche in questo 2010 la nuova edizione di Seridò, rassegna dedicata esclusivamente ai bambini fino ai 12 anni ed al loro mondo ludico, fatto tanto di oggetti concreti quanto di trasfigurazioni mentali e fantasiose in grado di sviluppare la loro creatività.

Anche quest’anno Seridò ha trovato casa a Montichiari, al Centro Fiere del Garda. Qui verranno infatti allestiti ben 120 spazi-gioco in cui i più piccoli potranno dare libero sfogo all’inesauribile voglia di giocare che hanno sempre. Si parte dai tappeti elastici e si arriva fino ai trenini, si va dalle costruzioni giganti fino al villaggio indiano, passando naturalmente per la sabbionaia, i tricicli, il serpentone-treno e, i timbri e gli acquarelli. Non mancheranno nemmeno gli spazi dedicati ai supereroi più amati come Superman e Batman.

All’interno di Seridò però non ci sarà spazio solo per le aree-gioco ma anche per piccoli teatri, dedicati naturalmente ai pargoli bresciani e non solo. Si passerà così dallo spettacolo “Il potere del talismano” dei Burattini di Onofrio alla rappresentazione “Il sogno nel castello” del Teatro daccapo, ed altre 2 rappresentazioni. Di ciascuna (della durata di mezz’ora circa) verranno proposte ben 6 repliche giornaliere.

Seridò sarà aperto dalle 9:30 alle 19:00 con orario continuato, dal 30 aprile al 9 maggio (ad eccezione dei giorni del 3, 4 e 5 maggio). Fino ai 12 anni l’ingresso è gratuito, per gli altri basteranno 9€.

Brescia saluta il 2009 e festeggia il 2010

capodanno.jpgAnche Brescia e i suoi cittadini non fanno eccezione ed infatti sono stati indaffarati questa notte con i festeggiamenti di capodanno. Botti, spumante, brindisi, cenoni, buoni propositi per il nuovo anno, canti e balli non si sono fatti attendere ed hanno così tenuto occupato la stragrande maggioranza dei breciani per tutta la serata.

Di buono quest’anno c’è stato da segnalare che sono diminuiti sensibilmente i feriti causati dagli scoppi dei petardi. Solo 7 in tutta la provincia, di cui il più grave è un 22enne che nella zona di viale Bornata è stato colpito all’occhio dallo scoppio del botto che teneva tra le mani. Certo, lo so che parlare “solo” di sette feriti non è una grande consolazione, ma in tempi di magra si fa quel che si può.

Per il resto nulla da segnalare, ad eccezione di un “simpatico” episodio avvenuto alle 2:30 di notte in via Orzinuovi, dove un 37 originario di Nave è risultato essere alla guida con un tasso alcolemico di poco superiore al 2,0 g/l (il limite massimo consentito è 0,5), per di più senza aver mai conseguito la patente di guida. Il 37enne per tutta risposta ha deciso di usare le maniere forti con gli agenti della Polstrada, ai quali non è rimasto che arrestarlo e portarlo presso la casa circondariale di Canton Mombello. Un bel capodanno dietro le sbarre insomma; uno di quelli che non si dimenticano.

A tutti i lettori di questo blog va il mio augurio più sincero perchè il 2010 appena iniziato riservi il maggior numero di belle sorprese, o che perlomeno giungano i meritati frutti del proprio duro lavoro. E permettetemi di proporvi un motto per l’anno nuovo che riprendo dall’agenzia Pro Forma Web di Bari: “Per abbassare i toni occorre alzare il volume” (il relativo video lo trovate qui: http://www.youtube.com/watch?v=TMJUO-NsZGM )