Da Brescia ad Auschwitz

auschwitz.jpgE siamo arrivati all’ottava edizione. Ma per i partecipanti sarà come la prima, un pò perchè nessuno di loro ha preso parte alle precedenti ed un pò perchè certe cose, anche se già viste, ogni volta che te le trovi davanti non ti lasciano scampo e ti entrano dentro, che tu lo voglia o no.

Ieri mattina un foltissimo gruppo di studenti bresciani, circa 450 ragazzi provenienti da 15 scuole della provincia (Sraffa, Calini, Maddalena di Canossa, Leonardo, Abba-Ballini, Castelli, Copernico, Gambara, Lunardi, Marzoli, Tassara-Ghislandi, Einaudi, Moretti, Don Mazzolari, Golgi di Breno), è partito con “Un treno per Auschwitz” alla scoperta di quel luogo-simbolo della crudeltà e dell’idiozia umana che a meno di 70 anni facciamo ancora fatica a concepire.

Sarà certamente un’esperienza toccante, almeno per coloro che sapranno sfruttare questa splendida occasione per aprirsi in maniera sincera con la volontà di capire un mondo poi non molto lontano come quello che fu dei loro nonni.

Già, capire. Troppo spesso si sciorina in maniera (fintamente?) commessa frasi di rito come il classico “per non dimenticare”. Tutto assolutamente giusto, capiamoci. Forse però è arrivato il momento di fare un passo oltre e tentare di capire, perchè solo così l’umanità potrà evitare una nuova vergogna ed una nuova ferita come quella che Auschwitz rappresenta.

Festival dei laghi a Iseo

Lago_Iseo.jpgSarà una sette giorni all’insegna delle riscoperte agroalimentari e della mobilità sull’acqua dolce dei laghi italiani quella che prenderà il via venerdì 27 maggio a Iseo, cittadina bresciana che da il nome all’omonimo lago, che funge anche da confine tra il territorio della leonessa e la bergamasca.

Il festival ha il chiaro obiettivo di creare l’opportunità per i laghi italiani (ben 80 quelli presenti) e per i rispettivi Comuni di “fare sistema” tentando di far conoscere meglio, sopratutto al pubblico italiano, le opportunità che il turismo lacustre può offrire. A dire il vero, già in terra bresciana, ogni estate le spiagge tanto del lago d’iseo quanto di quello di garda vengono letteralmente prese d’assalto da turisti teutonici e olandesi, a conferma di come questo tipo di turismo sia molto più apprezzato all’estero che qui da noi.

Venerdì sabato e domenica sarà la volta di “Bontàlago”, mostra-mercato dei prodotti tipici dei paesi lacustri italiani. Per l’occasione inoltre i ristoranti di Iseo e Clusane offriranno appositi menù a base di pesce.

Per ogni ulteriore informazione, in particolare sul vasto programma degli eventi culturali collegati, è possibile visitare il sito www.festivaldeilaghi.it

A Brescia si organizzano “Vacanze fuori dal Comune”

campi di lavoro.jpgTorna anche quest’anno a Brescia l’iniziativa “Vacanze fuori dal Comune”. Si tratta di un’opportunità offerta dall’assessorato alle Politiche Giovanili insieme al Cts (Centro turistico studentesco) dedicato ai ragazzi tra i 16 ed i 26 anni (non compiuti) residenti nel capoluogo bresciano.

L’obiettivo degli organizzatori è quello di avvicinare questi ragazzi al mondo del volontariato nei suoi molteplici aspetti, specialmente in un Paese come il nostro dove senza le associazioni che operano pro bono buona parte dei servizi di cui i cittadini oggi godono cadrebbero nel nulla stante l’impossibilità per l’apparato pubblico di saperli garantire.

Le destinazioni sono sostanzialmente campi di lavoro umanitario/sociali, archeologici e naturalistico/ambientali organizzati da numerose associazioni in tutto il territorio italiano. Insomma, ce n’è un pò per tutti i gusti e per tutte le sensibilità, basta solo avere un briciolo di iniziativa.

Le domande di partecipazione andranno depositate entro il 30 luglio all’informagiovani di via S.Faustino oppure presso la sede del Cts in via Tommaseo. La Loggia ha fatto sapere di essere pronta a sovvenzionare con una cifra di 150€ circa 20-25 posti (l’anno scorso ai campi hanno partecipato 36 ragazzi); non si tratta certo di un grande sforzo economico. I contributi saranno disponibili solo fino al loro esaurimento; chi non vi rientrerà dovrà pagare la quota completa, da 100 a 300€.

Chi volesse avere maggiori informazioni può consultare il sito del comune di Brescia oppure il sito creato ad hoc per l’iniziativa (www.vacanzefuoridalcomune.it).

“Cercasi Star” anche a Brescia

blady_roversi.jpgLoro sono stati una delle coppie più invidiate dagli italiani, o almeno da me. Viaggiare e far sì che i viaggi e le scoperte diventino il proprio lavoro non è cosa da tutti. Anzi è una cosa che in pochi possono permettersi, e tra questi ci sono sicuramente Syusy Blady e Patrizio Roversi, ex “turisti per caso” e “velisti per caso”, intenzionati decisamente a proseguire sulla strada binomio viaggio-lavoro.

Così oggi a Brescia, dalle 16 alle 22, potreste imbattervi nel camper video box di “Cercasi star”, il concorso che permette a chiunque di partecipare gratuitamente per aggiudicarsi la possibilità di accompagnare la simpaticissima coppia bolognese nella loro nuova impresa televisiva dal titolo “I popoli del mare”. Una sorta di prosecuzione dell’esperienza di “velisti per caso”.

Il concorso non conoscerà solo un vincitore ma ben 16 perchè infatti a bordo di Adriatica (la celeberrima nave utilizzata dalla coppia per le proprie scorribande marittime) potranno salire 4 vincitori per ciascuno dei 4 weekend estivi. I fortunati 16 potranno anche vedersi in tv su Yacht&Sail, canale 430 di Sky, all’interno della nuova edizione di “velisti per caso”.

Il camper video box, dove registrare la propria richiesta di partecipaazione al concorso si sposterà tra Piazza Arnaldo, Piazza della Loggia, Corso Zanardelli e via Fratelli Ugoni. Chi non potrà essere presente in nessuno di questi luoghi non si perda d’animo e invii al sito www.cercasistarq8.it la propria video-domanda.

In arrivo 11 nuovi ostelli della gioventù in provincia di Brescia

ostello2.JPGFinalmente un bel contributo, sopratutto utile ai giovani e alla piccola imprenditoria, arriva in territorio bresciano direttamente dalle casse della Regione Lombardia.

Non c’è che dire, questa volta il piatto messo a disposizione dai vertici del Pirellone è stato piuttosto sostanzioso: poco meno di 4 milioni di € (3,9 per la precisione), che sono stati suddivisi tra 11 progetti di realizzazione di altrettanti nuovi ostelli della gioventù in territorio bresciano.

L’iniziativa è stata ottimamente recepita sia da enti pubblici che privati, che hanno presentato diversi progetti degni di nota. Così, nel giro di qualche anno nella nostra provincia potranno iniziare a girovagare ragazzi con lo zaino a spalle, in cerca di luoghi suggestivi da visitare e, perchè no, di persone interessanti da conoscere.

A fare la parte del leone nell’assegnazione di questi 4 mln di € sono state le località della valle camonica, del sebino e del lago di garda. Infatti i futuri 11 ostelli sorgeranno nei Comuni di Valvestino, Toscolano Maderno, Gardone Riviera, Breno, Manerba, Paspardo, Salò, Vezza d’Oglio, Orzinuovi, Vallio Terme e Collio.

In particolare 3 progetti si sono portati a casa 500mila €ciascuno: si tratta dei Comuni di Breno, Collio e Salò, dove dovrebbero venire ristrutturate ed adibite ad ostello rispettivamente la Bim in via Mulini (Breno), l’ex colonia della Parrocchia di S.Filippo Neri (Collio) e la ex Eca di via Gasparo (Salò). Già, perchè questi soldi, in tutti gli 11 casi, non potranno essere utilizzati per la costruzione di nuove strutture, ma solo per la riqualificazione di strutture già esistenti, magari cadute in disuso. Un’ottimo modo anche per non consumare territorio insomma.